Milanello: work in progress

MilanelloTorna finalmente ad allenarsi il Milan in vista della prossima stagione, anche se mancheranno molti elementi: quelli che hanno partecipato all’europeo (i quattro azzurri più Ibrahimovic e Mexés), gli infortunati (Muntari su tutti, fresco di ginocchio rotto giocando in spiaggia) e i convocati per le Olimpiadi (Pato e Thiago Silva). In compenso, si vedranno alcune facce nuove: oltre a Riccardo Montolivo, infatti, il mercato del Milan finora ha visto arrivare Acerbi (difensore centrale, proviene dal Chievo, ma è in comproprietà col Genoa), Constant (centrocampista in prestito dal Genoa), Traoré (mediano svincolato dal Nancy), Gabriel (portierino brasiliano, dal Cruzeiro) e Pazzagli (altro portiere, in questo caso figlio d’arte, arriva svincolato dalla Fiorentina, dove faceva il terzo nella scorsa stagione). Di tutta la valanga di prestiti di ritorno dall’Italia e dall’Europa, l’unico con possibilità di rimanere è lo spagnolo Didac Vilà. Ma vediamo in dettaglio i reparti.

Difesa – Abbiati; Abate, Mexès, Thiago Silva, Antonini (Emanuelson, Vilà)
Salvo clamorosi arrivi (leggi: Julio Cesar) le gerarchie in porta vedono Abbiati chiaramente davanti ad Amelia. La difesa è per tre quarti già scritta: Abate, Mexès e Thiago Silva, col punto interrogativo sulla fascia sinistra, dove le alternative sono molte. Si partirà sicuramente con Antonini titolare, Emanuelson potrebbe essere provato più constantemente in quel ruolo (e prenderselo, in caso positivo), Didac Vilà viene da una stagione da titolare inamovibile nell’Espanyol, è stato cercato dal Valencia per sostituire Jordi Alba, ma è rimasto escluso dalla selezione olimpica spagnola. Potendo probabilmente partire solo in caso di offerte definitive, può giocarsi il posto. In mezzo Acerbi sarà il rincalzo da far crescere per il futuro, Bonera e Yepes garantiranno l’esperienza. De Sciglio viene aggregato in prima squadra in maniera definitiva, sarà la riserva di Abate, ma anche lui è un candidato per la sinistra, dove può adattarsi (come visto nel derby di ritorno dello scorso campionato). Mesbah partirà, sembra chiaro. Il reparto comunque sembra chiuso: salvo blitz presidenziali o mosse improvvise, le voci sui vari Balzaretti sono tutte balle. Senza lilleri ‘un si lallera.

Centrocampo – Montolivo, Ambrosini, Nocerino; Boateng
Questo è davvero l’unico reparto a cui manca ancora un tassello, e anche se arrivasse continuerebbe ad essere uno o più gradini sotto i principali avversari italiani ed europei. Per iniziare, Montolivo giocherà mezzala destra come annunciato da Galliani, anche perché sarebbe strano che Allegri dopo un anno e mezzo rinnegasse l’idea del mediano in mezzo. Quindi, confermatissimo a sinistra Nocerino, mentre in mezzo c’è solo Ambrosini, fermo restando il fatto che Strasser e Traoré, che pure potrebbero in teoria giocare in quel ruolo, sono solo dei rincalzi e nulla più ad inizio stagione. Questo è l’unico ruolo per cui vale la pena dare un minimo di credibilità alle voci di calciomercato. Constant, Flamini, e al suo ritorno Muntari, daranno il cambio ai titolari. Se invece, incredibilmente, Allegri rinnegasse il suo credo tattico, avremmo un Montolivo centrale (ma senza riserve!) con i tre appena citati a giocarsi il posto da titolare a destra, e Adrianone a recitare il solito “siamo a posto così”. Boateng chiaramente trequartista salvo infortuni, possibili sostituti il solito Emanuelson (che potrebbe anche giocare mezzala sinistra, da jolly qual é) oppure Constant, o un arretrato Robinho. Un errore la cessione di Merkel, secondo me, essendo uno dei pochi a non essere un randellatore ma ad avere capacità di costruzione di gioco e di finalizzazione. Lo rimpiangeremo tra qualche anno. Centrocampo a una dimensione.

Attacco – Ibrahimovic, Cassano (Robinho, Pato)
Il nostro miglior reparto, obiettivamente, il migliore d’Italia e tra i migliori in Europa. Ibrahimovic insostitubile, ovviamente. Lui preferisce giocare con Robinho o Cassano, ma il primo manca di freddezza sotto porta, il secondo spesso e volentieri 90 minuti non li fa. In teoria la coppia più forte sarebbe quella con Pato ma i due non si intendono e il brasiliano è, dal punto di vista dell’integrità fisica, un punto interrogativo. El Shaarawy sarà l’unico sicuro di essere rincalzo: giovane, sbarazzino, già batte cassa ed è costato tanto (15 mln + Merkel in due anni, quasi come Pato), mi piace tanto ma o sfonda in un paio di anni o presto dovrà riciclarsi come ala. Tre civette sul comò.

Per il resto, c’è poco da dire: l’anno scorso s’è perso per gli infortuni, non c’è da discutere, e se si limitano i danni da quel punto di vista già aumentano di molto le chances di vittoria in campionato. Primo rimedio (?): questa stagione sarà aggregato un fisioterapista nel giro della nazionale brasiliana appositamente per Pato e Thiago Silva. Di mercato non se ne farà, e l’unica bugia che non dice Galliani è quella sul fatto che arriva qualcuno solo se parte qualcuno. Con gli ingaggi si è risparmiato qualcosa come 16 mln netti in questa sessione, circa 30 mln lordi, e si sono spesi 4 mln per Acerbi. Il tesoretto andrà tutto a coprire parzialmente il buco di bilancio. L’acquisto del sostituto di Mark Van Bommel si farà coi soldi delle cessioni dei vari Taiwo, Di Gennaro, Paloschi, Albertazzi, Oduamadi ecc. Di varianti tattiche originali non se ne vedono all’orizzonte, mentre la più agguerrita delle nostre rivali rinforza la rosa. Niente illusioni, per ora, ma è bene avere la consapevolezza che questa resta una squadra che se integra, o comunque colpita da un numero fisiologico di infortuni, può continuare a puntare al tricolore.

Rosa

Portieri: Abbiati, Amelia, Gabriel, Pazzagli
Difensori: Abate, Acerbi, Antonini, Bonera, De Sciglio, Mesbah, Mexès, Thiago Silva, Vilà, Yepes
Centrocampisti: Ambrosini, Boateng, Constant, Emanuelson, Flamini, Montolivo, Muntari, Nocerino, Strasser, Traoré
Attaccanti: Cassano, El Shaarawy, Ibrahimovic, Pato, Robinho

Il Milan che verrà farà felice solo Marina Berlusconi

Marina e Silvio BerlusconiSi profila essere un’estate malinconica per i tifosi milanisti quella che sta per iniziare. Molti grandi giocatori a fine carriera lasciano, Adriano Galliani sta portando avanti un mercato al risparmio fatto con i parametri zero, le grandi squadre europee hanno nel mirino gli unici grandi campioni rossoneri (Ibrahimovic e Thiago Silva), restano i dubbi sulla tenuta fisica sui giocatori che dovrebbero farci fare il salto di qualità (Pato, che andrà alle Olimpiadi, e Boateng su tutti), e nello stesso tempo le principali rivali italiane e continentali sembrano voler portare avanti una campagna di rafforzamento, con nuove e ricche e squadre che il prossimo anno parteciperanno alla Champions League (Paris-Saint Germain e Malaga) pronte ad unirsi al gotha del calcio europeo.

Poi, vedendo questo via vai di gene che va via e questa desolazione di gente che arriva, mi sono incuriositi e mi sono messo, quindi, a fare due conti sul Milan. Mi baso su dati sugli ingaggi netti della Serie A resi noti lo scorso settembre dalla Gazzetta dello Sport (click sull’immagine sotto).

Stipendi Serie A 2011-2012

Qua sotto ci sono i miei conti, un po’ spannometrici visto che riguardano ingaggi netti e non lordi. Considero partenze (ufficiali o molto probabili) e rinnovi al ribasso nella prima tabella, e gli arrivi già ufficiali o molto probabili nella seconda:

Giocatore in uscita Differenza con 2011/12 (mln € netti)
Aquilani +2
Flamini +4,5
Gattuso +4
Inzaghi +0,8
Maxi Lopez (6 mesi nel 2011/12) +0,4
Merkel (6 mesi 2011/12) +0,25
Nesta +2,5
Oddo +1,3
Roma +0,5
Seedorf +3
Taiwo (6 mesi nel 2011/12) +0,9
Van Bommel +3,5
Zambrotta +3,5
TOTALE +28,15
Giocatore in entrata Differenza con 2011/12 (mln € netti)
Mesbah (6 mesi nel 2011/12) -0,4*
Montolivo -2,5 (cresce negli anni seguenti)
Muntari (6 mesi nel 2011/12) -1
Strasser (6 mesi nel 2011/12) -0,1
Traoré -1
TOTALE -5

Sono più di 23 milioni netti. Al lordo, una quarantina di milioni di euro. Considerando che la linea di questo calciomercato sembra essere improntata all’austerità (in linea con lo spirito dei tempi, tra l’altro), che prima bisognerà vendere per comprare (da qui le voci su Robinho, Ibrahimovic, e il rammarico per non aver ceduto Pato in cambio di quei milioni necessari all’acquisto di Carlos Tevez dal Manchester City, con cui c’era già l’accordo), e che dei 60-70 milioni di perdite annue, una buona parte sono risparmi sulle tasse per la Fininvest, il Milan che si profila è tendenzialmente un club a costo zero. Per la gioia di Marina Berlusconi, un po’ meno per quella dei suoi tifosi. E a me, che sono tifoso, non va bene per nulla.

Post aggiornato il 3 giugno 2012.

E non finisce qui

Il carro di Lippi. Fonte Dagospia Viva Roberto Donadoni! Viva le pappine che prese contro l’Olanda, l’umiliazione inflitta alla Francia, il suo tentativo di rinnovare la nazionale e viva la sua eliminazione ai rigori contro i futuri vincitori del torneo. Oggi a qualcuno in federazione fischieranno le orecchie, perché quella spedizione era semplicemente composta dai migliori giocatori a disposizione (forse, escluso, il Pippo Inzaghi in grande forma della primavera 2008). Questa no. Questa è stata una nazionale costruita dalla forza dell’abitudine, dalla riconoscenza, dal desiderio di far gruppo e creare tranquillità ancor prima di giocare a calcio – un buon calcio.

La spedizione di oggi crea danni anche per il futuro: Quagliarella con il gran gol odierno ha guadagnato del credito, e salvo crolli futuri resterà nel giro per un po’, e questo è un disastro. Reti del genere Quagliarella le ha sempre fatte, ma alternate a sparizioni dal campo e a prestazioni che definire sconcertanti ed irritanti è poco. A sto punto meglio Cassano, che è anche capace di suggerire. E cosa dire di Gilardino? Il nuovo ct, visti i trascorsi nello stesso club, non lo lascerà certo fuori.

Non so più come insultarvi Che la preparazione atletica sia stata buona in vista di questo mondiale si è notato: la squadra ha finito tutte le partite in crescendo. Il problema è che il punto di partenza di queste prestazioni era tecnicamente bassissimo. Ora è necessario mettere o rimettere dentro definitivamente Balotelli, Rossi, Ranocchia, nonché i vari Borriello, Ambrosini, Cossu se si riconfermano ai livelli dell’ultima stagione. E’ bene sperare che Santon torni il ragazzino fenomenale dell’esordio in serie A, conservare Pirlo per un altro paio di anni (Montolivo è come Gilardino: ad alti livelli rende zero), piantare una difesa decennale Bonucci-Chiellini e spazzare via gli equivoci tattici (se Di Natale fa un sacco di gol, è inutile piazzarlo all’ala). Questi accorgimenti si potevano prendere anche in questo mondiale e – ne sono sicuro – sarebbe stata sicuramente un’altra storia almeno in questo girone.

Vergogna Lippi, forse sarebbe stato meglio che di mondiali ne avessimo avuti solo tre. Ora ne abbiamo quattro ma ci rideranno dietro per i prossimi dieci.

Se fossi il ct

Mario Balotelli con la nazionale under 21 Oggi sono state comunicate le trenta preconvocazioni per i mondiali. Oddio che schifo, e non commento oltre. Inspiegabili le convocazioni di Gattuso, Marchetti, Camoranesi, Grosso, se non per mancanza di alternative valide visto l’ostruzionismo di Marcello Lippi nei confronti di numerosi giocatori (chi perché è troppo giovane, chi per motivi personali, chi perché non fa parte del “gruppo” eccetera). Se fossi stato io il commissario tecnico della nazionale azzurra, avrei portati i 23 seguenti giocatori:

Portieri: Abbiati, Buffon, Sorrentino

Difensori: Bonucci, Cassani, Chiellini, Criscito, Gamberini, Maggio, Zambrotta

Centrocampisti: Ambrosini, Aquilani, De Rossi, Marchisio, Montolivo, Palombo, Pirlo

Attaccanti: Balotelli, Borriello, Di Natale, Iaquinta, Pazzini, Rossi

Avrei avuto dei dubbi su Miccoli (grande campionato da dicembre in poi), Thiago Motta, (in grande forma da un mese, ottimo per i mondiali; vabbè che è oriundo, ma è azzurrabile e effettivamente la nostra nazionale fa schifo, quindi…), Lazzari e Gilardino, che qualche gol lo va piazzando. E peccato per gli infortuni di Santon e Ranocchia.
E adesso guardate quanti tag metto qui sotto…